Grandangolo su Salerno

VILE AGGRESSIONE,ALLOGGIATI IN ALCUNE STRUTTURE SALERNITANE

E’ con grande tristezza che pubblichiamo il comunicato allegato  che termina con un invito ad un incontro per questa sera alle 19,30 a Piazza Vittorio Veneto. La nostra speranza è che con momenti di forte mobilitazione si possa creare a Salerno un clima di grande solidarietà emarginando tutti coloro che non riescono ad accettare chi giunge da noi in cerca di accoglienza fuggendo da luoghi dove vivere è sempre più difficile.     “Grandangolo su Salerno”

“Il 30 giugno, nei pressi di piazza della Concordia, un gruppo di giovani ragazzi africani è stato violentemente aggredito, con coltelli ed altri oggetti, da alcuni italiani.

Il motivo dell’aggressione pare sia stato uno scambio di persona.

Nonostante i migranti si fossero dichiarati estranei ai fatti, sono stati ugualmente e ferocemente colpiti e feriti.

A farne le spese sono stati in due: il primo ferito da una coltellata a pochi centimetri dal cuore; il secondo, colpito alla testa, è stato trasferito d’urgenza in sala operatoria ed è in condizioni critiche. Nel giro di due anni in città sono avvenuti almeno tre assalti razzisti: contro gli ambulanti sulla spiaggia di Pastena, nei pressi del centro di accoglienza di Matierno e infine il sanguinoso episodio di oggi.

Basta una scintilla, una voce incontrollata, uno sguardo, uno scambio di persona per scatenare la violenza contro lo “straniero”.

Questi episodi avvengono sempre più frequentemente in Italia e nel resto d’Europa e sono fomentati da quanti costruiscono un discorso pubblico sui migranti come capri espiatori, cause di tutti i problemi della società.

Si dimentica innanzitutto che le guerre da cui scappano sono frutto delle politiche neocolonialiste dei nostri governi; che per sopravvivere in Italia le persone migranti lavorano in condizioni di schiavitù; che troppo spesso chi gestisce il sistema accoglienza lucra sulla loro pelle.

Le strade, invece di essere luoghi di incontro, complicità e conflitto sociale, diventano sempre più posti in cui vige la legge del più forte, del controllo del territorio e della guerra tra poveri.

I veri nemici sono altrove, comodamente siedono nei palazzi del potere, decidono sulle nostre vite ed accumulano profitti sulla pelle dei migranti e di noi tutti, fomentando la guerra tra esclusi e distogliendo l’attenzione dalle loro politiche criminali.

Per contrastare tutto ciò saremo presenti sul territorio e praticheremo un nuovo modello di città, basato sulla solidarietà e il mutuo aiuto, e lotteremo, noi esclusi, fianco a fianco, senza distinzioni di provenienza «perché la loro lotta è la nostra lotta», come avviene quotidianamente, e come anche oggi è stato ribadito nelle manifestazioni dei braccianti migranti e dei solidali, a Bari e Rosarno.

Invitiamo tutti ad un presidio-dibattito antirazzista, venerdì 1 luglio presso P.zza Vittorio Veneto (antistante alla stazione FS) alle ore 19.30”.

 

Assemblea antirazzista di Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *