Grandangolo su Salerno

QUALITA’ DELLA VITA NEI QUARTIERI, LA GIUNTA CITTADINA RIPARTE DALLE TELECAMERE

Con un intervento pubblico in presenza della stampa locale e delle televisioni, il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca si è recato presso il rione Zevi nella zona orientale della città per annunciare nuovi interventi di riqualificazione urbanistica e manutenzione dei quartieri salernitani a partire dalla zona della cosiddetta “Ciampa di cavallo”.

Subito dopo l’intervento del governatore della Regione si è accodato anche il sindaco della città, che ha ribadito il rinnovato impegno dell’amministrazione da lui guidata per la qualità della vita nei quartieri salernitani.

Primo intervento programmato e annunciato per tale miglioramento sociale è quello dell’installazione di telecamere in varie zone della città, per monitorare (evidentemente in collaborazione con le forze dell’ordine) le scene di vita ordinaria alla ricerca di possibili infrazioni della legge.

Restano numerosi dubbi sull’efficacia e sull’utilità di tale provvedimento, che comporterà ovviamente una spesa non indifferente per le casse comunali, nonché il trasferimento di ulteriori fondi dalla gestione delle politiche sociali in direzione di quella che viene spacciata come la tutela della sicurezza dei cittadini.

Di fronte allo sfascio delle politiche sociali in città, dovute certo al restringimento dei cordoni della borsa dello stato nei confronti dei comuni ma non solo per questo motivo, non si leggono da parte dell’amministrazione nuove e incisive proposte riguardo i servizi per i disabili, gli anziani, i disoccupati e gli altri settori svantaggiati che sono spesso costretti ad emigrare o a trovare servizi fuori città.

Una telecamera potrĂ  monitorare quanto avviene lungo una strada nel cuore della notte alla ricerca di eventuali infrazioni e delitti, ma dentro le case i cittadini continueranno ad avere gli stessi problemi che, spesso, sono la causa delle varie problematiche relative alla sicurezza.

Grandangolo su Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *