Grandangolo su Salerno

LA STATUA DI SAN MATTEO “PELLEGRINA” IN TRE PARROCCHIE SALERNITANE

Con  “l’Alzata del Panno”, il giorno 21 Agosto, sono iniziati a Salerno i festeggiamenti in onore di San Matteo, l’Evangelista Patrono della città.

Dopo le turbolenze dovute ai portatori delle statue che “volevano” che la statua del Santo entrasse nell’atrio del Comune e che caratterizzarono la processione del 2014 facendo passare in secondo piano l’autentico significato della processione, il programma di quest’anno è tutto centrato sul recupero del significato autentico dei festeggiamenti e presenta qualche novità importante.

La più importante è quella che prevede un “pellegrinaggio” della statua di San Matteo in tre parrocchie cittadine.

Santa Maria dei Barbuti nella zona di Fratte, S. Eustachio e Santa Margherita nella zona orientale ospiteranno la statua per alcuni giorni.

La statua entrerà in Chiesa dopo una breve processione e vi resterà per qualche giorno durante i quali la comunità parrocchiale potrà vivere dei momenti intensi di fede.

Le tre comunità di fedeli potranno vivere dei momenti liturgici di grande intensità e potranno riflettere e meditare avendo come riferimento il messaggio evangelico di San Matteo.

In questo modo  coglieranno  pienamente il significato dei festeggiamenti  del Santo Patrono.

Nello stesso periodo sia in Cattedrale che in altri luoghi cittadini si vivranno momenti liturgici di uguale intensità e significato.

La processione finale sarà perciò il punto di arrivo di un cammino preparato con grande attenzione ed essa stessa sarà caratterizzata da momenti di preghiera che coinvolgeranno tutti i presenti  in modo consentire a tutti cogliere, senza grandi distrazioni, il significato autentico dell’evento vissuto.

Luigi Bove

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *